mercoledì, settembre 18, 2019

Programmazione da Settembre 2019 a Luglio 2020



Riprendono gli appuntamenti all'Associazione One Drop.



Introduzione alla Meditazione Zen : Sabato 28 Settembre alle 17.00

Zazen il giovedì dalle 19.20 alle 20.30

Ogni ultimo weekend del mese:
sabato dalle 18.00 alle 19.30
domenica dalle 9.30 alle 12.30

Sesshin:
 11-12-13 Ottobre presso Azienda Bosco Falconeria 


Per informazioni su costi e modalità di iscrizione:
segreteriaonedrop@gmail.com


giovedì, dicembre 20, 2018

ICCHO JIKI NYORAI JI - Salta dritto nel Risveglio - Anno del Cinghiale 2019





ICCHO JIKI NYORAI JI
Salta dritto nel Risveglio

Non andare da qualche parte, ma solo tornare alla propria Mente Autentica.
Siccome non ci crediamo, cerchiamo all'esterno.
    Questo mondo è il mondo di Budda, non andare da nessuna parte, non aggiungere pensieri in più, ma invece eliminarli.
Inoshishi, il Cinghiale, è l'ultimo dei dodici animali del calendario,
allo stesso tempo è la sorgente di tutto.
Il terreno della consapevolezza.
Il solstizio d'inverno del 22 dicembre il giorno più scuro,
quando il raggio del nuovo sole comincia a ritornare.
Questo luogo è simbolizzato dal solstizio d'inverno, dal Natale.
Il giorno del sole più breve,
quando la nuova vita comincia a ritornare.
L'intero universo ripulito da pensieri estranei.
La Sorgente.


Testo e calligrafia Shodo Harada Roshi - Disegno Jiko


martedì, giugno 05, 2018

Darsi da fare diligentemente per la propria inabilità.

Questa frase viene dal caso N°32 della “Raccolta della roccia blu”. Nessuno è perfetto, è umano non essere abile nell'affrontare alcune situazioni. Una volta che sappiamo dove risiedono i nostri errori, dipende da noi guardarli e lavorarci. Quando Tei Joza era allievo di Rinzai, gli chiese: “Che cosa è il corpo del Buddha Dharma?”. Invece di rispondere Rinzai afferrò Tei Joza per i risvolti e lo colpì. Tei Joza cadde e quasi svenì. Fino a quando faremo affidamento su spiegazioni e abitudini mentali non potremo conoscere la vera origine dell'universo. Questi colpi erano uno dei modi con i quali Rinzai istruiva Tei Joza, un processo vitale al di là delle spiegazioni. Quando Tei Joza fu appena in grado di sedersi, uno dei suoi superiori disse: “Prostrati! Il Koan è finito”. Tei Joza immediatamente si prostrò e per la prima volta vide chiaramente al di là della comprensione razionale e del giudizio. Aveva praticato diligentemente, usando la pratica per lavorare sugli aspetti di sé che sapeva essere immaturi e non sviluppati. Nel dojo faceva segretamente cose che nessun altro voleva fare, come pulire i gabinetti o lavare il pavimento. Siccome aveva purificato la sua mente in questo modo, Tei Joza poteva prostrasi naturalmente, senza nemmeno pensarci e, passando attraverso tutto questo, una nuova vita era nata.
(Shodo Harada Roshi , 30 maggio 2018)

martedì, gennaio 09, 2018

Seminario di pratica Zen



Sabato 13 e domenica 14 gennaio l’Ass. One Drop organizza un weekend intensivo di meditazione Zen aperto anche a principianti.

Orari

Sabato dalle 16.00 alle 19.30

Domenica dalle 9.20 alle 12.30

Contatti:

Prenotazioni entro venerdì12

Tutte le attività dell'Ass.Cult. One Drop sono riservate ai Soci.

sabato, febbraio 04, 2017

Sabato 11 Febbraio 2017 Introduzione alla Meditazione Zen


Incontro teorico-pratico introduttivo alla meditazione Zen, sabato 11 febbraio dalle 16.00 alle 18.00.

Per prenotazioni:
segreteriaonedrop@gmail.com

lunedì, gennaio 09, 2017

Introduzione alla meditazione Zen

Tutti i sabato di gennaio presso il One Drop Zendo

Introduzione alla Meditazione Zen dalle ore 16.00 alle 18.00
Conduce Ilaria Ekin Casarubea

per informazioni:
segreteriaonedrop@gmail.com


domenica, gennaio 08, 2017

2017 Anno del Gallo- di Shodo Harada Roshi



Sottaku doji – Beccare simultaneamente dall'interno e dall'esterno.

Fin dalla nascita siamo dotati della Natura di Buddha che, proprio come l'uovo di un uccello, è protetta dal guscio dell'ego. Se il guscio non si rompe, l'uccello non può volare liberamente nel cielo. Se il guscio non si rompe, la Natura di Buddha non si può manifestare liberamente.

La gallina siede sull'uovo e si impegna molto per riscaldarlo, così che il pulcino possa crescere. Quando è giunto il momento di nascere per il pulcino, allora la gallina comincia a beccare dall'esterno, mentre simultaneamente il pulcino becca dall'interno: quando il guscio si rompe il pulcino è nato.

Così viene osservata la maturazione dello stato mentale di una persona di training, l'insegnante dà una parola e mentre lo studente la sta ricevendo, in quell'istante si fa esperienza del Satori.

Non è a causa della parola dell'insegnante che avviene il risveglio, ma è invece la pratica giornaliera del Samadhi che, se non viene mai abbandonata,fa sì che il corpo si riempa di quanta energia è possibile, come un pallone teso che il tocco di un ago fa esplodere.


Come studenti di Zen quando sediamo è MU, quando stiamo in piedi è MU, lavorare è MU, mangiare è MU, l'energia vitale è concentrata nell'istante, così l'essenza interiore può maturare. Quando questa pienezza diventa matura, allora la coscienza si sente ampia, in grado di abbracciare tutto.

Una volta che questa pienezza matura ancora di più, ci si può concentrare sui piedi e le mani, la consapevolezza dell'esterno diventa più fievole, non si sa più se si ha un corpo o no. La mente è piena solo di Mu e poi si perdono le tracce anche di questo Mu.

Come persona di training, se stai con questa pratica raggiungerai questo stato mentale. Proprio nel momento in cui nessun concetto può entrare allora la mente rinasce. Non c'è risveglio possibile senza fare sforzi.

Se non si cerca la comodità e non si fermano gli sforzi, allora “Grandi sforzi portano di sicuro grande luce”. Lì si può fare esperienza della grande luce brillante.

Nelle nostre vite dimenticare tutto l'odio e l'avidità , come se tutte le memorie passate fossero scomparse, tutti gli incontri sconosciuti gettati via e vedere ora con nuovi occhi, quanto luminoso sembrerebbe questo mondo?

Dimenticando i peccati degli altri e i propri errori dimenticati dagli altri, tutti che si perdonano l'un l'altro. Se ci incontrassimo con questi occhi calorosi, quanto pieni ci sentiremmo?

Almeno una volta l'anno andare incontro al Nuovo Anno con questa mente fresca, allora saremmo in grado di capire l'importanza di fare esperienza di questo stato mentale.

Il sole è nuovo, l'acqua è nuova, il verde dei pini è nuovo, il bambù, il fiore di prugno, tutto quello di cui si fa esperienza è nuovo. Questa esperienza pura del Nuovo Anno è molto vicina all'esperienza del risveglio. La nostra famiglia che vediamo ogni giorno, oggi la vediamo come nuova, tutte le difficoltà e le sfide emotive passate sono viste con un nuovo stato della mente.

Buon Anno Nuovo!

Avendo ricevuto molta attenzione, profondamente chiedendo che questo continui l'anno che viene.

Ogni giorno è fresco, ogni giorno è fresco. Vivere ogni giorno con sentimento di freschezza e meraviglia è molto importante.